Crisi: De Camillis, ripresa comincia da centralità delle persone (2)

Postato in Comunicati.

“Promuovere la speranza, riflettere sulle preoccupazioni del Paese e rilanciare la ripresa economica attraverso azioni a favore dell’innovazione, della internazionalizzazione, dello sviluppo delle infrastrutture e del sostegno finanziario a imprese e famiglie. Giungono al momento giusto le parole del Presidente Napolitano sul rilancio delle azioni di sostegno all'economia. Il sistema bancario deve prestare più attenzione alle realtà imprenditoriali e familiari aiutando senza eccessiva parsimonia le piccole e medie imprese e le realtà familiari che guardano con fiducia alla ripresa”. Lo ha detto il Sottosegretario di Stato, Sabrina De Camillis, a margine dei lavori dell’89^ Giornata del Risparmio, promossa dall’Acri.  “La priorità per una buona ripresa economica è quello di rimettere al centro di tutto le persone e le loro attività, e far sì che la finanza -– ha continuato De Camillis-  sia al servizio della produzione e non viceversa. Un simile obiettivo non potrà mai essere raggiunto se dobbiamo fare i conti con un’Europa unita solo sull’austerità. E’ indispensabile andare avanti con l’Europa che risponda alle esigenze di tutto il suo popolo e non solo a quelle dei più forti. Il semestre europeo di Presidenza italiana dovrà portare in Agenda il compimento dell’Unione bancaria”. Il Sottosegretario, infine, ha osservato con ironia, esprimendo una considerazione personale sul Tavolo dei relatori: “Tutti maschi, solo due donne nelle prime due file della sala e pochissime nelle altre. Forse la finanza è troppo presa dalla gestione del potere e non può lasciare spazio alle donne che di solito solo più attente alle attività concrete, rivolte alla soluzione dei problemi?”.

Universita', De Camillis: Investendo su cultura si rilancia il Sud

Postato in Comunicati.

"Solo investendo nella cultura si puo' pensare al rilancio e allo sviluppo del Mezzogiorno. Non e' accettabile che siano vanificati i sacrifici fatti dalle Universita' del sud con l'introduzione delle nuove regole sul blocco del turn over per il personale universitario perche' in contraddizione con quanto detto dal presidente Letta, in Parlamento, sul rilancio del Mezzogiorno". E' il commento del sottosegretario di Stato, Sabrina de Camillis, al decreto del ministro Carrozza sul turn over negli atenei italiani. "Prevedere che il calcolo del 20% del turn over avvenga non piu' per singoli atenei, ma su base nazionale e' un fatto grave che mina i principi di equita', di coesione e di giustizia sociale e deprime l'economia degli atenei del Sud. Non bisogna solo dire che la legge si puo' migliorare ma, e' un dovere morale, oltre che sociale, migliorarla per non scadere sempre nella solita storia della spending review che ancora una volta colpisce la ricerca e il sistema universitario del Paese, invece di ridurre gli sprechi. L'istruzione -ha concluso De Camillis- e' uno dei motori piu' importanti dello sviluppo economico; crea la materia prima della crescita: giovani preparati. La grande chance del Mezzogiorno, si gioca sulla competenza e non e' immaginare continuando a far finta di non capirlo".

Dove Sono

  • Larino, CB
    Via Cluenzio Aulo Avito, 15

Segreteria

Lun-Ven dalle 9 alle 20
Domenica chiuso

Seguimi